Energia pulita con biogas e biometano

Panorama 1Il Gruppo Egea ha realizzato ed ha in gestione 4 impianti di cogenerazione a biogas, per una potenza installata complessiva di 3 MW elettrici. Gli impianti si distribuiscono in due macro aree: Saviglianese con gli impianti di Marene (250 kW) e Vottignasco (999 kW) e Canavese, con gli impianti di Ozegna (625 kW) e Caluso (999 kW).

  • Biogas Vottignasco (CN)

Potenza installata: 999 kWe
Primo impianto a biogas in Piemonte basato su reflui di allevamenti suinicoli. L’impianto è dotato di sistema di abbattimento dell’azoto nel digestato (strippaggio ammoniacale) al fine di ridurre l’impatto dei nitrati sulle falde freatiche ed agevolare gli allevamenti facenti parte del consorzio creato appositamente per la raccolta dei reflui.

Un vantaggio indiretto fondamentale è la riduzione degli odori legati allo spandimento sui campi del refluo. Con la nascita dell’impianto, infatti, si avrà spandimento del digestato che, oltre ad essere un ottimo ammendante, è inodore, a differenza del refluo tal quale.

L’impianto è stato inaugurato nell’aprile 2013 ed è attualmente a piena produzione. La vita utile dell’impianto sarà di 15 anni. Nel marzo 2014 l’impianto ha vinto il primo premio “Migliori pratiche bioenergy 2014” nella categoria enti pubblici, riconoscimento promosso da “Cremonafiere”, “Legambiente” e “Dlg international”.

  • Biogas Marene (CN)

Potenza installata: 250 kWe
L’impianto è alimentato unicamente da reflui dell’allevamento bovino (letame da tori da ingrasso) adiacente all’impianto. L’impianto è in produzione dal 2011.

  • Biogas Ozegna (TO)

Potenza installata: 625 kWe
L’impianto è alimentato da reflui da allevamenti bovini e suini oltre che da insilati vegetali (mais, triticale, sorgo e loietto). Il digestato ottenuto è utilizzato come ammendante dei terreni destinati alla coltivazione della frazione vegetale destinata all’alimentazione dell’impianto. L’impianto è in produzione dal 2011.

Il Gruppo ha inoltre sviluppato nuovi progetti legati al biometanoAlcuni mezzi di trasporto messi a disposizione da CNH Industrial in occasione del terzo Forum mondiale per lo sviluppo economico, tenutosi nell’ottobre 2015 a Torino, sono stati alimentati con il biometano prodotto dall’impianto Egea di  biodigestione dei reflui degli allevamenti bovini di Ozegna. L’alimentazione col biometano di questi impianti apre delle prospettive davvero straordinarie per tutte le problematiche del trasporto e, naturalmente, soprattutto per le aree agricole o ad esse vicine.

veicoli alimentati a metano offrono già importanti benefici a livello ambientale in termini di riduzione delle emissioni inquinanti e di CO2, con l’uso del biometano questi benefici potranno senza dubbio aumentare: infatti, il biometano ha un bilancio di CO2 – dalla fonte fino all’utilizzo del combustibile – che lo colloca al vertice delle fonti energetiche attuali nell’industria automotive, rendendo un veicolo alimentato a biometano comparabile (in termini di emissioni di CO2 globali) a un veicolo elettrico alimentato con energia prodotta da fonti rinnovabili.

  • Biogas Caluso (TO)

Potenza installata: 999 kWe
La società “Egea new energy” partecipa, con alcuni imprenditori agricoli dell’area di Caluso, la società “Agrinord energia” costituita per la realizzazione e la gestione di un impianto biogas di potenza installata pari a 999 kW elettrici.

L’impianto presenta un’alimentazione mista, costituita da reflui zootecnici ed insilati principalmente di mais, triticale e sorgo.

La gestione delle biomasse e lo spandimento del digestato, sono gestiti interamente a “Agrinord energia”, sulla base delle disponibilità dei Soci conferitori. L’impianto è in produzione dal 2013.


Fotogallery