Egea sostiene Alba Capitale della Cultura 2021

Alba, 7 maggio 2021

alba-pala-capitale-933x420

 

 

 

 

 

Il Gruppo Egea ha aderito convintamente ad “Alba Capitale della Cultura d’Impresa 2021” di Confindustria. L’azienda multiservizi con Sede ad Alba sarà tra i protagonisti del lungo ciclo di eventi e convegni che, a partire da venerdì 7 maggio, si susseguiranno in città fino a dicembre 2021.

Per consultare l’elenco di tutti gli eventi in programma clicca qui!

Egea contribuirà offrendo la propria testimonianza sul suo stile di “fare ed essere impresa” che dialoga costantemente con il Territorio e con la Comunità e al tempo stesso guarda ad un panorama nazionale, seguendo una filosofia di approccio glocal. Tutto ciò grazie a quei valori che si respirano nel cuneese, e in particolare nell’albese, valori che accompagnano e ispirano la crescita economica, sociale e culturale del nostro Territorio, attraverso un continuo interscambio tra Imprese e Comunità. Non a caso, quindi, Egea nasce in un Territorio di “provincia”, in questo Territorio di “provincia” in grado di attualizzare la sapienza tradizionale trasformandola in motore di economia circolare e al tempo stesso di far nascere imprese innovative coniugando il valore della sintesi tra radici e modernità, tra tradizione e innovazione, tra efficienza e qualità della vita.

Questo ciclo di eventi sarà un’importante occasione per Egea e per Imprese di recuperare la propria storia e tornare ad approfondire quei valori che sono parte integrante del loro DNA. Nel caso di Egea, questi principi sono prima di tutto la vicinanza e il sostegno del Territorio, attraverso progetti che abbracciano la cultura e l’impresa, sia con eventi, sia attraverso iniziative sociali a sostegno di famiglie e Comuni, sia tramite la sponsorizzazione e la diffusione di sport storici che creano aggregazione territoriale. L’altra prerogativa fondamentale di Egea è quella di essere punto d’incontro tra pubblico e privato, così come esprime l’azionariato dell’azienda multiservizi, guardando allo sviluppo e alla crescita del Territorio da un punto di vista privilegiato che mette insieme sia le istanze e gli aspetti che riguardano gli Enti Pubblici e i Comuni, in quanto prima espressione della Comunità, sia le avanguardie del settore privato, imprenditoriale e bancario.

Egea guarda al futuro soprattutto in termini di sostenibilità ambientale promuovendo un agire volutamente glocal a favore del Territorio e della Comunità. Da tempo ormai l’azienda di Corso Nino Bixio sta mantenendo il passo della transizione ecologica del Paese, fornendo energia elettrica 100% rinnovabile e sostenibile, in parte prodotta presso propri impianti e continua a investire sulla produzione di energie rinnovabili attraverso impianti a biogas, a biometano, fotovoltaici e centrali idroelettriche: la produzione di energia pulita come opportunità per salvaguardare l’ambiente e valorizzare le risorse del Territorio.

Vanno nella stessa direzione gli innovativi i progetti avviati nell’ambito della mobilità elettrica, tre i fronti di intervento: colonnine pubbliche su suolo pubblico; colonnine, wallbox e progetti di efficientamento energetico per aziende e Pmi; servizi per privati. A fare da corollario il fatto che tutti i veicoli aziendali sono alimentati a biometano. Egea fornisce inoltre un’attività integrata che prevede la realizzazione di servizi di efficientamento energetico e di razionalizzazione della fornitura energetica attraverso: domotica avanzata, installazione di pannelli fotovoltaici e sistemi di accumulo energetico.

Il termine “sostenibilità” assume un significato ampio e comporta responsabilità su più dimensioni: non si tratta solo di “sostenibilità ecologica” che esige di non compromettere le risorse naturali e di non danneggiare il Territorio. Si tratta anche di “sostenibilità umana”, che invita ad operare in modo da aumentare e non diminuire il senso di identità di una Comunità e di appartenenza ad una storia da attualizzare e non da dimenticare. Si tratta anche di “sostenibilità della qualità di vita” che invita a considerare l’ambiente come la nostra “casa” che deve essere bella, sicura, efficiente, accogliente. Si tratta infine di “sostenibilità culturale” che invita a coniugare l’ancoraggio territoriale alla apertura e al dialogo con altre realtà. Energia e ambiente sono i due punti cardine che compongono il nome di Egea e su questi due punti Egea guarda al futuro avendo come obiettivi: riduzione delle emissioni, massima efficienza, minori consumi, abbandono progressivo ma rapido delle fonti fossili e produzione di energia da fonti rinnovabili, mobilità elettrica, produzione di biogas e biometano in modo da limitare ulteriore produzione di CO2, una gestione attenta delle reti e degli impianti.

Sono questi i temi che l’azienda multiservizi porterà nel contesto del Pala Alba, fornendo un importante contributo nei momenti di confronto e nei convegni organizzati per “Alba Capitale della Cultura d’Impresa 2021”, a partire dal docufilm ufficiale dell’evento, con la regia di Max Chicco, in cui Egea diventa uno dei protagonisti della cultura d’impresa albese, attraverso il racconto dell’avvio dell’attività di distribuzione gas, a partire dal 1983, nella città di Alba e la testimonianza diretta sul tema della cultura d’impresa dell’Amministratore Delegato PierPaolo Carini in questo e in numerosi altri momenti della rassegna.

Il Gruppo avrà un ruolo importante anche nel contesto di Circonomia, il Festival dell’economia circolare e delle energie dei Territori, sempre presso il Pala Alba: il 12 maggio infatti è in programma un importante focus sul tema del risparmio energetico, punta di diamante dell’attività 2021 dell’azienda in particolare sul tema del Superbonus che, avvalendosi del credito di imposta fissato al 110%, consente la riqualificazione di centinaia di condomini e abitazioni, mettendo in campo un know-how specifico del settore dell’efficientamento energetico con un team di oltre 45 persone addette ai lavori, con la certezza di essere seguiti in ogni passaggio dell’iter e, comunque, di poter fare riferimento a professionisti competenti e, soprattutto, sempre rintracciabili.

Ed Egea porterà la propria testimonianza anche il 5 giugno nel contesto del convegno sulle Buone Energie, ospite il Ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani, in qualità promotrice di tutte le espressioni legate alle buone energie del Territorio, anche quelle che vanno aldilà del contesto ambientale o energetico, indirizzate sempre più verso una svolta sostenibile condivisa con le realtà del Territorio. È il modo tipico di porsi di Egea, ossia essere lievito che aiuta le buone energie a crescere, nel pieno sviluppo e valorizzazione delle energie rinnovabili. Il 21 giugno Egea prenderà parte al convegno “Next Generation Fund”, alla presenza delle principali espressioni del mondo delle Istituzioni a livello nazionale, volto alla messa a punto delle politiche gestionali e di utilizzo dei fondi UE del Recovery Plan, in particolare ai fondi stanziati per progetti a supporto della transizione ecologica e digitale, oltre alla promozione della coesione economica, sociale e territoriale dell’Unione e alla mitigazione dell’impatto sociale ed economico della crisi.

Nell’ambito del convegno “End of waste” dell’8 luglio, l’azienda multiservizi, tramite la società controllata Sisea, analizzerà tutte le attività legate alla raccolta e alla riduzione dei rifiuti. Il 21 luglio è in calendario un importante convegno sulla nuova frontiera dell’idrogeno, una filiera che sta acquisendo sempre più attenzione da parte dei maggiori player nazionali. L’obiettivo sarà quello di fornire un supporto a una strategia industriale di livello nazionale, che guardi anche ai progetti per il recovery fund.

Nel frattempo è in programma l’organizzazione dell’Assemblea dei Soci Egea prevista a metà luglio, che quest’anno sarà ancora di più storica occasione per presentare i dati del bilancio e le prospettive future, alla luce di un contesto influenzato fortemente dalla pandemia da Covid 19 ancora in corso, ma che non ha certo ostacolato gli obiettivi prefissati nel Piano Industriale: tutto ciò testimoniato dai dati e dagli indicatori del Gruppo.

C’è grande attesa soprattutto per il convegno Alba Carbon Neutral in programma per il 9 settembre, in collaborazione con Confindustria, dove verrà posto al centro dell’attenzione il tema della sostenibilità ambientale. Il nostro Territorio, grazie al suo ingente tessuto produttivo e alle sue ricchezze naturali, rappresenta il terreno ideale per un modello che potrà poi essere replicato su altre aree del Paese. La prima fase comporterà un’analisi territoriale, per fotografare nei dettagli i consumi dell’area, dal settore energetico alla mobilità. La seconda fase sarà incentrata sui singoli ambiti, come quello ricettivo, agricolo e vitivinicolo, imprenditoriale e residenziale, per arrivare al terzo passo, incentrato sulle strategie: l’obiettivo è pensare ad interventi concreti di decarbonizzazione all’interno di strumenti di pianificazione territoriale, efficaci e allo stesso tempo sostenibili economicamente. Egea sta camminando in questa direzione assieme ad alcuni partner quali il Politecnico di Torino, l’Università “Bocconi”, la Fondazione LINKS e altri soggetti della ricerca e dell’innovazione. L’azienda multiservizi vuole mettere le basi per rendere la zona dell’albese una realtà capace di non immettere in atmosfera quantità aggiuntive di anidride carbonica e contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico.