Egea partner strategico per il Premio Ancalau e lo sviluppo dell’Alta Langa

Bosia, 24 aprile 2017

Alla sua terza edizione, il Premio Ancalau, nato a Bosia, il piccolo Comune dell’Alta Langa con una forte tradizione di inventori, innovatori e geniacci, ha già visto la prima start up premiata nel 2015 (Progetto Caviale di Lumaca di Alice Giusto e Guillermo Lujan) aggiudicarsi poi anche il Premio Start Up Food Expo ed essere già oggi operativa, a meno di due anni dal conseguimento del Premio (www.aspersia.it). I consensi ottenuti hanno fatto peraltro del Premio uno degli appuntamenti culturali di riferimento e di maggior prestigio di tutto il territorio dell’Alta Langa.

Il Premio Ancalau “start up giovani”, nato da un’idea di Oscar Farinetti, richiama ogni anno decine di giovani fino a 35 anni di età a proporre i loro progetti di impresa che saranno valutati da una commissione di esperti per identificare i progetti finalisti. Progetti che si sfideranno domenica 18 giugno a Bosia in una presentazione serrata e competitiva alla presenza di un folto pubblico e di una Giuria di note personalità e di esperti presieduta da Oscar Farinetti e alla quale apporteranno il contributo di esperienza e di visione, insieme ad altre note personalità del business e della cultura, Tino Cornaglia, presidente di Banca d’Alba e PierPaolo Carini, amministratore delegato del Gruppo Egea.

Diecimila euro è il consistente premio che verrà attribuito al vincitore insieme al trofeo rappresentato dalla scultura in pietra di Langa dell’artista Remo Salcio. «Questo Premio è molto attuale per ragioni evidenti. L’entusiasmo e il sostegno di Eataly, Banca d’Alba ed Egea, ci spronano a fare sempre meglio per Bosia ma soprattutto per tutto il territorio dell’Alta Langa», ha dichiarato il sindaco di Bosia Ettore Secco.

locandina-premio-ancalau2017

Oscar Farinetti ha così sintetizzato: «Ho intuito fin dal primo momento che questo Premio, originale nel nome, ambizioso e coraggioso negli intenti, poteva rappresentare un forte stimolo per lo sviluppo dell’Alta Langa, magnifico territorio nel cui grande futuro credo da sempre».

PierPaolo Carini, amministratore delegato di Egea: «Con tutta l’Alta Langa, oltre a un intenso legame storico, Egea ha un rapporto concreto attraverso la capillarità dei nostri sportelli che offrono servizi energetici (energia elettrica e gas) e i numerosi servizi gestiti in molti Comuni di questa zona: dal ciclo idrico integrato, alla distribuzione del gas fino ai servizi ambientali. Il nostro sostegno al Premio Ancalau e alle iniziative ad esso collegate risponde al desiderio di continuare ad alimentare, con un’ulteriore carica di energia, le nostre interazioni con l’Alta Langa, contribuendo allo sviluppo di questi territori. Una crescita che avviene anche attraverso lo stimolo all’ideazione e alla creazione di nuove imprese giovani, incrementando cioè uno spirito di ricerca e di competizione che è già alla base della cultura di intraprendenza delle nostre popolazioni».

Tino Cornaglia, presidente di Banca d’Alba: «Banca d’Alba ha rinnovato anche quest’anno il suo sostegno a questo premio perché coniuga valori in cui crediamo: la valorizzazione del nostro meraviglioso territorio, l’attenzione verso i giovani e l’innovazione come forma di sviluppo di nuove imprese. Cogliere la voglia dei giovani di mettersi in gioco è un seme prezioso che va coltivato con cura e passione: per questo anni fa Banca d’Alba ha creato “Buona Impresa”, una struttura che offre consulenza specializzata sulla sostenibilità dei progetti, sul loro finanziamento, e assistenza per aspetti burocratici e le agevolazioni fiscali».

Domenica 18 giugno si preannuncia giornata ricca di eventi sui quali viene mantenuto per il momento un comprensibile riserbo. In ogni caso, oltre all’abituale cornice di “Alta Langa in Vetrina” che propone ogni anno le eccellenze enogastronomiche e artigianali del territorio, è annunciata l’installazione del quarto murale dedicato ai “Grandi di Langa”, che quest’anno, dopo i ritratti di Cesare Pavese, Beppe Fenoglio e Giacomo Morra, sarà dedicato alla scrittrice Gina Lagorio, arricchendo la galleria di grandi ritratti murali che già oggi attraggono visitatori e curiosi. «Anche questo dei Murali di Langa rappresenta un modello da sviluppare per creare itinerari turistico-culturali che costituiscano una nuova rete di percorsi di visita tra tutti i Comuni dell’area», ha concluso Silvio Saffirio, presidente dell’Associazione culturale Ancalau.

Scarica il bando del Premio Ancalau 2017

Scarica il bando del concorso artistico e letterario “Come mi vedo tra vent’anni – Il coraggio di crescere” per gli alunni delle scuole elementari

Archivio Eventi: